Discussion:
UN LIBRO DEL GRUPPO DI LETTORI LUCCHESI DI IVAN ILLICH
(too old to reply)
Viani Roberto
2009-05-06 09:01:55 UTC
Permalink
----- Original Message -----
From: Lucca Libri
To: Undisclosed-Recipient:;
Sent: Monday, May 04, 2009 5:52 PM
Subject: UN LIBRO DEL GRUPPO DI LETTORI LUCCHESI DI IVAN ILLICH



IL COSMO INFELICE - DIALOGHI PER UNA SCIENZA CONSAPEVOLE

Questo libro, curato e in parte scritto dal gruppo lettori lucchesi di Ivan Illich "Il Granchio di Kuchenbuch, sarà presentato giovedì sera alle ore 21 presso la Sala Tobino in Palazzo Ducale - Lucca.

Il libro è indirizzato ai "signori" del G 8 Scienza e Tecnologia che doveva tenersi a Lucca in giugno e che si terrà invece a Lesmo in Brianza, e sarà seguito, il 26/27 giugno da un Seminario nazionale che si terrà sempre a Lucca in concomitanza con l'incontro di Lesmo.

Il ruolo sempre più ambiguo e rischioso giocato oggi dalla Tecnoscienza è oggetto di riflessioni di persone esperte in varie discipline e da semplici cittadini che vogliono recuperare il diritto di fare ascoltare la propria voce su scelte che determinano il loro avvenire.

La sua presenza sarà particolarmente gradita



--- Attenzione! ---
Il messaggio conteneva allegati e/o HTML non ammessi in questa lista
---


-------------------------------------------[ RK ]
+ http://liste.rekombinant.org/wws/subrequest/rekombinant
+ http://www.rekombinant.org
a***@kein.org
2009-05-06 13:29:25 UTC
Permalink
http://www.leonardo.info/reviews/may2009/parikka_animal.html

Animal Spirits A Bestiary of the Commons

by Matteo Pasquinelli
NAi Publishers / Institute of Network Cultures, Rotterdam & Amsterdam, 2008
240 pp., illus. Paper, € 23.50
ISBN: 978-90-5662-663-1.

Reviewed by Jussi Parikka
Anglia Ruskin University, Cambridge, UK


Stemming from the same soil as Paolo Virno, Antonio Negri, Franco "Bifo"
Berardi and Maurizio Lazzarato, Matteo Pasquinelli is trying to claim a
position as a pornographer of media theory. His Animal Spirits. A Bestiary
of Commons is filled with a fresh breath of provocative statements and
topics that are well up-to-date with recent trends in various fields from
political economy of biopolitical production to net porn and the "machinic
excess" of network culture. For Pasquinelli, it's the psychopathologies of
contemporary culture that act as vehicles to the broader contexts in which
he is able to discuss post-Fordist theories of culture, Bataille-inspired
notions of excess and what brands the book in general: the insistence on
the importance of animality in contemporary media culture.

For Pasquinelli, what media studies has forgotten are the "unpredictable
human drives", or what Keynes called "animal spirits" that are part and
parcel of the supposedly non-human logic of economic cycles. Pasquinelli
uses the notion to tackle what he calls the two key dominating fallacies
inherent in current media theory: code and flow. Pasquinelli reads the
emphasis on (digital) code as a continuation of the older language-centred
analyses of structural kind, and the paradigm of (desiring) flows as the
modus operandi of network society. To a large extent, Pasquinelli is able
to pinpoint the shortcomings of various positions of which especially
Zizek is the main enemy that leads to what Pasquinelli calls "code
claustrophobia" and the impossibility of any resistance; for the code
claustrophobics, everything is anyway subsumed under the Code of the big
Other. Pasquinelli is in various points able to pinpoint the melancholic
pessimism of postmodernist writers--and also extends a lot of critique
towards Baudrillard. As for the critique of flows, Pasquinelli is a bit
vague at times, even though this could be seen to be connected to his
quite forceful critique of the ideology of liberated flows and egalitarian
communication in the age of Web 2.0. Here, against political correctness
Animal Spirits targets various discourses and practices which presume that
communication in the age of networks is frictionless, costless and based
in idealized modes of sharing--hence, peer to peer sharing, Creative
Commons and other recent attempts to rethink modes of production based in
the assumption of "natural goodness" of the human kind in the age of
globalized info capitalism come under attack.

It is in such contexts that his idea of animal spirits becomes clearer. No
digital mode of communication or sharing is separated from the animal, so
to speak. Concretely this means that what is celebrated as the common has
to be established only through the notions of labour, pain, risk, waste
and conflict--the mode of networking that is the actuality of life in
network cultures. There are "real physical forces producing" the common,
and animal spirits are behind every claim to immateriality of network
communication.

Even if at times more than apt, Pasquinelli is not always clear what is
the regime of the notion of animal spirits. At least this reader was left
under the suspicion that there is a fair amount of mysticist danger in
raising the notion of animal spirit--as if a call to a primordial,
uncivilized, unmediated animality--as the necessary grounding for the
high-tech practices. Instead of adding complexity to the assemblages of
digital communication, and political economy of biopower, such a notion is
in danger of only exposing the dialectic other of the digital, i.e. a myth
of animality--and, hence, revert back to dualisms of flesh vs. mind.
Having said that, Animal Spirits is not a naïve celebration of the
archaic. At times, Pasquinelli seems to be trying to contextualise his
materialist ontology in some of the emerging currents of "new materialist"
thought (e.g. Delanda) but the connection between the Bataillean animal
spirits and some other theories could have been more elaborated. Only
later comes a reference to Deleuze's Bacon-book made, and an elaboration
of the ontology of the image as one of meats and nerves--a point that
could have been extended to notions relating to economy of attention that
were discussed a bit earlier. Perhaps Pasquinelli is suggesting in a
Baconian/Deleuzian way to make invisible forces of the animal visible but
not completely connecting the section to the wider argument of the book.

The bits about "zoology of machines" and "the new 'animal' model for
digital culture" are titillating passages, and could have been
elaborated--so as to be more specific and hence effective modes of
analysis of current modes of digitality whose materiality is borrowed both
from complex mathematics and physics but as much from a non-human
animality such as insects (think about the amount of insect related
research in the context of digital culture from swarms to distributed
networks etc.)

As said, at times Animal Spirit's critique against e.g. digital studies is
too broad, and hence is itself in danger of losing some accuracy both in
its critique and its own argument. It does not give a wide enough picture
of the emerging field of software studies that focus on digital code in
terms of mapping the crucial relays software has with other modalities of
culture. Bioart on the one hand is not, as Pasquinelli claims, reducing
life to genetic and digital code but actually involving itself quite
seriously in the messy and fleshy rethinking of materiality beyond the
human-centred celebration of the organism. At this point (p.57),
Pasquinelli himself is implicitly in danger of succumbing into a nostalgic
human-centred mode of analysis and a pessimism that reminds one of
Baudrillard. Similarly, even if Animal Spirits seems to imply a broad
neglect of "the body and nerves that constitute" our digital culture, he
does not take into account for example the long and meticulous theoretical
work in material feminism by Rosi Braidotti, Elizabeth Grosz or for
example Luciana Parisi that have engaged with the changing relations of
flesh being remodulated, abstracted and reoriented in new contexts of
technologies.

Despite some of its theoretical contradictions and perhaps misaimed
critiques, the analysis Animal Spirits offers of various connections
between political economy and psychopathologies of current media culture
are enjoyable. There is an air of freshness a times in Pasquinelli's take
when he attempts to read a whole analysis of current libidinal economies
in network culture through J.G.Ballard (although heavily relying mostly
only on Ballard's The Atrocity Exhibition, a fact that raises several
issues and questions). The at times excellent use of language backs up the
gluing of notions of attention economy with modes of gentrification and
for example rent as the key mode of contemporary capitalism of symbolic
and cultural values. This is where Pasquinelli points out the powers of
capitalism in turning alt(ernative) cultures into a perfect brand for a
tolerant and innovative profit making--that actually does not in any way
challenge the actual economy of ownership. Writing this review in Berlin,
one is able to pick up on Pasquinelli's points from an everyday grass
roots perception of the changes from subcultures of Berlin to nicely
branded creative industries hype and the parallel gentrification from
Prenzlauer Berg to Friedrichshain and Kreuzberg.

Even if the later sections on pornography, desire, the image and warporn
are perhaps the catchiest ones in terms of the language and expression,
some of the arguments are not as solid as the rest of the book. Here for
example in the Warpunk against Warporn-text the analysis turns actually to
something resembling, not critical, of Baudrillard and Freud (even if with
nods towards Deleuze for example). Also one could question whether the
strong emphasis on narratives for the collective imaginary and myths fits
in with the earlier acclaimed materialist methodology of the book. Again
the danger is that focusing on "narratives" as the key form of resistance
does not fully take into account the singularity of the media in which
"narratives" are formed. For sure, one has to admit that Pasquinelli does
talk a lot about for example the crucial role of videophones in bringing
in the unwanted images from Iraq to the mainstream media but this line of
argumentation is not developed to its logical conclusion. The argument
concerning warporn would also have profited from a look into Klaus
Theleweit's Männerphantasien , an analysis of the warporn stemming from
the dirty libidinal imagination of First World War troops. In the last
instance, this reviewer remained a little unsure of what Pasquinelli's own
position regarding the role of pornography in the libidinal biosphere of
media culture is.

Pasquinelli has a good talent for really picking up fresh perspectives and
topics, but with a bit more consistency in the argument, he could turn the
good analyses into brilliant ones. His perspectives have much resonance
with other media studies perspectives that are there to challenge some old
fashioned conceptualisations--the clearest parallel to this reviewer is
the work on "evil media theory" by Matthew Fuller and Andrew Goffey (in
The Spam Book , forthcoming from Hampton Press.) Is it time for media
theory to turn sour, mean and evil, and tackle head on the unwanted,
unsolicited and psychopathologic sides of contemporary culture?



-------------------------------------------[ RK ]
+ http://liste.rekombinant.org/wws/subrequest/rekombinant
+ http://www.rekombinant.org
francesco raparelli
2009-05-06 13:56:24 UTC
Permalink
http://www.uniriot.org/uniriotII/index.php?option=com_content&view=article&id=424:notte-bianca-dellonda-in-conflitto-la-sapienza-autogestita-verso-il-g8&catid=85:comunicati&Itemid=279

http://nottebiancainonda.blogspot.com/

Un abbraccio!

f.




--- Attenzione! ---
Il messaggio conteneva allegati e/o HTML non ammessi in questa lista
---


-------------------------------------------[ RK ]
+ http://liste.rekombinant.org/wws/subrequest/rekombinant
+ http://www.rekombinant.org
francesco raparelli
2009-05-07 08:13:02 UTC
Permalink
Venerdì 8 maggio, ore 18:00
presso l'atelier occupato Esc (via dei Reti 15, San Lorenzo)


Ritorno al futuro, quarto incontro

Il tempo, oltre la dialettica servo-padrone - Augusto Illuminati


Info: www.escatelier.net




--- Attenzione! ---
Il messaggio conteneva allegati e/o HTML non ammessi in questa lista
---


-------------------------------------------[ RK ]
+ http://liste.rekombinant.org/wws/subrequest/rekombinant
+ http://www.rekombinant.org
francesco raparelli
2009-05-11 13:38:07 UTC
Permalink
[Alcune info e immagini sull'azione di questa mattina]

http://www.uniriot.org/uniriotII/index.php?option=com_content&view=article&id=476:roma-gli-studenti-occupano-un-albergo-in-disuso&catid=85:comunicati&Itemid=279

http://www.eidonpress.com/index.php?url=zoom.php&id=286978

http://roma.repubblica.it/multimedia/home/5888498


****

Oggi lunedi 11 maggio, siamo usciti dalle università per occupare uno stabile in disuso da anni, un albergo di proprietà di privati in Via del Piombo, dietro via del Corso. Ci riappropriamo del nostro diritto all'abitare, contro chi ci vorrebbe precari e schiavi di un affitto o di un mutuo. Di fronte dalle politiche del Governo e del comune di Roma, l'unica vera forma di democrazia è la riappropriazione diretta di case, cultura e diritti!!
 
A seguire il comunicato degli studenti:
 
OggiCREW in Onda irrompe per la prima volta nelle strade della metropoli: CREW è un progetto che parla dei bisogni materiali di studenti e precari, un trampolino di lancio per la rivendicazione di reddito e di diritto all'abitare, CREW parte dall'università per contaminare la città. Le mobilitazioni che sin da questo autunno si sono opposte ai tagli all'università e al mondo della formazione, hanno assunto fin da subito la centralità della rivendicazione di un nuovo welfare, che si sottragga dall'unica forma di garanzia sociale che conosciamo in Italia: la famiglia!

Noi, ogni giorno ci immaginiamo, insieme, nuovi diritti e nuovi desideri: quello che vogliamo è un welfare del comune, che prenda in considerazione le necessità degli studenti e delle figure produttive atipiche ed intermittenti, che più di ogni altri stanno pagando la crisi.

Roma è una città divisa, tra chi vive di rendita e di speculazione edilizia da un lato, e nuove figure produttive, studenti e precari dall'altro, che continuamente ridisegnano l'economia della città. Roma è una delle città con gli affitti più cari di Europa, solo seconda a Parigi!! Un'intera economia della rendita che pagano direttamente gli studenti e i precari, in un disegno complessivo di segmentazione della metropoli, che viene attuata sulla base della vicinanza di alcuni quarieri alle sedi universitarie......
 
 
In giornata foto e video dell'azione su uniriot.org





--- Attenzione! ---
Il messaggio conteneva allegati e/o HTML non ammessi in questa lista
---


-------------------------------------------[ RK ]
+ http://liste.rekombinant.org/wws/subrequest/rekombinant
+ http://www.rekombinant.org
Markus Huber
2009-05-12 09:55:03 UTC
Permalink
Hello,

I would like to announce, that the transmediale, festival for art and
digital culture and the CTM (club transmediale) in Berlin has published
the open call for entries.

As leading international festivals for art and digital culture as well
as adventurous music and related visual arts, respectively,
*transmediale* and *CTM* (club transmediale) are inviting submissions to
the *transmediale Award* Competition 2010 and the *Vilem Flusser Theory
Award* 2010. Invited are art works, projects and positions that respond
to the challenges of our rapidly changing digital, technological and
networked cultures. The transmediale Award seeks innovative,
experimental and visionary works across a wide scope of form, process
and practice that embrace, question and enrich our understanding and
relationship to our immersed media and technologically driven society.
Entries that exemplify new and critical forms of digital expression and
interaction are encouraged, as are works from countries and regions in
which digital art and culture are emergent. Submissions of art works for
both festivals participate in the transmediale Award 2010 while
theoretical abstracts, papers and research oriented positions are
invited for the Vilem Flusser Theory Award, with prizes totaling 10.000
EURO.

*transmediale* presents and pursues the advancement of artistic
positions reflecting on the socio-cultural, political and creative
impact of new technologies, network practices and digital innovation. As
a festival aiming to define the contours of contemporary digital
culture, it seeks out artistic practices that not only respond to
scientific or technical developments, but that shape the way in which we
think about and experience the technologies which impact virtually all
aspects of our daily lives. As such, transmediale understands media
technologies as cultural and aesthetic techniques that need to be
embraced in order to comprehend, critique, and shape global societies.

*CTM* (club transmediale) is dedicated to contemporary electronic,
digital and experimental music and sound creation, as well as the
diverse range of artistic activities and social practises that develop
within and connect to those audio cultures. Thus, the festival reflects
on the agency of contemporary sound creation within the cultural fabric
of society and its technological and social transformations. It explores
the intersections of contemporary music and audio art with other
artistic forms and cultural fields. A special emphasis is put on the
creative use of new technologies, the interplay of sound with other
media formats, the situational potential of live performances, the
formation of social networks, and the advancement of a positive form of
globalization.

Previous transmediale Award winners have included renowned artists such
as Herman Asselberghs, Shilpa Gupta, Harwood/Wright/Yokokoji, Zhou
Hongxiang, Istvan Kantor, Thomas Koener, Julia Meltzer/David Thorne,
Agnes Meyer-Brandis, Netochka Nezvanova, schoenerwissen, ubermorgen.com,
Adrian Ward, Herwig Weiser and 242.pilots. The Vilem Flusser Theory
Award, in collaboration with the _Vilem_Flusser_Archive of the
University of Arts (UdK) Berlin, has been awarded to Simon Yuill (2008),
Denis Rojo aka jaromil and Brian Holmes (2009).

*Jury of the transmediale Award 2010* are Michelle Kasprzak (Edinburgh),
Jose Luis de Vicente (Barcelona), Li Zhenhua (Beijing/Zurich), Yves
Bernard (Brussels), Doreen Mende (Berlin).

*Vilem Flusser Theory Award 2010* advisory committee members include
Marcel Marburger (_Vilem_Flusser_Archive, Berlin), Oliver Grau (Danube
University, Krems) and Sabeth Buchmann (Academy of Fine Arts, Vienna)

*transmediale Advisory Board* are Alex Adriaansens (Rotterdam), Dr.
Marie Cathleen Haff (Berlin), Prof. Saskia Sassen (New York), Yukiko
Shikata (Tokyo).

/transmediale is a project of the Kulturprojekte Berlin GmbH, in
cooperation with the House of World Cultures and funded by the German
Federal Cultural Foundation.
CTM is a project by DISK / club transmediale GbR funded by
Hauptstadtkulturfonds and DISK Initiative Bild & Ton e.V./


For further information please visit our website:

http://www.transmediale.de/en/call2010-main
http://www.transmediale.de/en/call-entries
--
programme coordinator
--------------------------------------------------------
transmediale.10 | 2 feb - 7 feb 2010
festival for art and digital culture berlin

klosterstr. 68 - 10179 berlin - germany
fon +49 30 24749 761 fax +49 30 24749 763
http://www.transmediale.de

kulturprojekte berlin gmbh
aufsichtsratsvorsitzender volker heller
geschäftsführer moritz van dülmen
amtsgericht berlin charlottenburg, HRB 41312 B
--------------------------------------------------------




-------------------------------------------[ RK ]
+ http://liste.rekombinant.org/wws/subrequest/rekombinant
+ http://www.rekombinant.org
francesco raparelli
2009-05-13 07:39:10 UTC
Permalink
Venerdì 15 maggio, ore 17:00
presso l'atelier occupato Esc (via dei Reti 15, San Lorenzo)


Ritorno al futuro, quinto incontro

Kairòs e produzione del comune - Toni Negri


Info: www.escatelier.net




--- Attenzione! ---
Il messaggio conteneva allegati e/o HTML non ammessi in questa lista
---


-------------------------------------------[ RK ]
+ http://liste.rekombinant.org/wws/subrequest/rekombinant
+ http://www.rekombinant.org
francesco raparelli
2009-05-18 09:20:33 UTC
Permalink
In questo preciso momento, mentre procedono i blocchi diffusi, la polizia ha nuovamente caricato gli studenti.
 
http://www.corriere.it/cronache/09_maggio_18/torino_disordini_universita_fa7da1e4-437e-11de-bc99-00144f02aabc.shtml
 
http://www.repubblica.it/2009/04/sezioni/esteri/g8-vertice/scontri-torino/scontri-torino.html
 
A più tardi,
 
f.




--- Attenzione! ---
Il messaggio conteneva allegati e/o HTML non ammessi in questa lista
---


-------------------------------------------[ RK ]
+ http://liste.rekombinant.org/wws/subrequest/rekombinant
+ http://www.rekombinant.org
francesco raparelli
2009-05-18 11:07:40 UTC
Permalink
G8 UNIVERSITA': TORINO, TENSIONI FRA STUDENTI E POLIZIA = (AGI) - Torino, 18 mag. - Nuove tensioni ci sono state a Torino nel corso delle proteste degli studenti contro il G8 University Summit, all'inizio di via Roma. La polizia ha caricato i manifestanti e li ha respinti indietro in direzione di piazza San Carlo per un centinaio di metri. Nel corso della carica almeno una persona e' stata bloccata dalle forze dell'ordine, dopo che altre tre persone erano gia' state bloccate questa mattina nel corso della prima carica avvenuta davanti al castello del Valentino dopo lanci di uova e fumogeni da parte dei manifestanti. Il corteo, non autorizzato, si e' poi mosso per le strade del centro creando numerosi problemi alla circolazione.


G8: UNIVERSITA'; BERLUSCONI, PREZIOSA OCCASIONE DIALOGO (ANSA) - TORINO, 18 MAG - Una preziosa 'occasione di dialogo' e di 'scambi proficui'. Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, definisce cosi' il G8 delle universita' nel messaggio letto questo mattina, nei saloni del Castello del Valentino, a Torino, in apertura del summit che riunisce i rettori di 19 paesi di tutto il mondo.
'Mi dispiace molto - scrive Berlusconi nel suo messaggio - di non poter essere con voi oggi, per questo incontro che rappresenta una tappa importante nel percorso di avvicinamento al vertice dell'Aquila. Il G8 - sottolinea - offre una grande opportunita' per tutto il paese: da un lato e' una preziosa occasione di dialogo, che permette ai paesi piu' industrializzati di confrontarsi nel momento in cui sono chiamati a dare il loro contributo per affrontare insieme le grandi sfide globali. Dall'altro assicura che l'universita', cosi' come le imprese o la societa' civile, trovino nei loro rispettivi incontri un momento per scambi proficui e per portare all'attenzione dei governi temi cruciali per lo sviluppo della comunita', a partire dall'educazione e dalla formazione'.

G8:UNIVERSITA';CORTEO SPONTANEO PER RILASCIO GIOVANI FERMATI (V.'G8:UNIVERSITA';UOVA CONTRO...'DELLE 9.40) (ANSA) - TORINO, 18 MAG - A Torino, dove e' in corso il G8 Universita', gli studenti dell'Onda hanno dato vita ad un corteo spontaneo di protesta in via Madama Cristina, nel quartiere San Salvario. L'obiettivo e' raggiungere il vicino corso Vittorio Emanuele per bloccare la circolazione.
I manifestanti chiedono anche che vengano rilasciati i quattro giovani che sono stati fermati dalle forze dell'ordine per essere identificati dopo le cariche di stamattina. Secondo indiscrezioni non confermate, tra loro ci sarebbero tre persone di origine straniera.

UNIVERSITA': PROFUMO, SUO RUOLO E' ESSERE ANTICIPATRICE DEL FUTURO = Torino, 18 mag. (Adnkronos) - "Oggi piu' che mai le universita' hanno l'obbligo civile e morale di far sentire forte la loro voce. Le universita', infatti, come parte di un esteso ed internazionale network di organizzazioni, sono nella posizione per agire come laboratori per il dopo crisi e per incoraggiare il nuovo pensiero".
Cosi' il rettore del Politecnico di Torino, Francesco Profumo, ha aperto i lavori del G8 dell'Universita', in corso al Castello del Valentino.

"Il tema identificato per il summit e' il contributo che le universita', tramite le loro funzione educativa possono svolgere nel promuovere uno sviluppo sostenibile e responsabile, a livello locale e globale -ha sottolineato ancora Profumo- ed e' per noi motivo di orgoglio che il vertice si svolga a Torino citta' protagonista di grandi eventi internazionali e abituata a raccogliere le sfide per l'innovazione".

"Credo -ha concluso il rettore del Politecnico- che l'universita' possa e debba essere anticipatrice del futuro. Dove si fa ricerca e si formano i giovani, li' prende corpo la sperimentazione e si genera innovazione, sia questa un nuovo modello di 'green' campus realmente sostenibile che possa essere esportato e applicato ad altre realta' e guardato anche dalla politica e dall'economia come un microcosmo delle nostre societa', o uno sforzo intellettuale verso un nuovo modello di interazione e collaborazione su scala globale".


G8: UNIVERSITA'; UOVA CONTRO FORZE ORDINE, PRIME CARICHE (ANSA) - TORINO, 18 MAG - E' molto tesa la situazione davanti al Castello del Valentino, dove le forze dell'ordine hanno iniziato a fare alcune 'cariche di alleggerimento' per allontanare i manifestanti da corso Marconi. Sono volate le prime manganellate, mentre i giovani hanno tirato uova contro polizia e carabinieri.
Gli studenti, ricacciati indietro all'interno del quartiere San Salvario, hanno rovesciato i cassonetti dell'immondizia, bloccando cosi' la circolazione anche nella vicina via Madama Cristina. Per paura molti negozianti hanno iniziato a chiudere le saracinesche dei negozi.
Alcuni ragazzi sono stati fermati dalle forze dell'ordine per essere identificati.


*****


G8:UNIVERSITA';RETTORE PROFUMO,DISPONIBILI INCONTRO STUDENTI (ANSA) - TORINO, 18 MAG - 'Il summit che si e' aperto questa mattina ha grande attenzione alle richieste degli studenti e siamo disponibili a incontrarli'. Il rettore del Politecnico di Torino, Francesco Profumo, apre cosi' agli studenti che stanno protestando contro il G8 delle universita' iniziato oggi al Castello del Valentino di Torino.
'Da parte nostra - aggiunge Profumo - c'e' grande attenzione alle loro richieste in un momento di instabilita' e incertezza come questo. Siamo vicini a loro in questa difficolta' di crescere. Questo e' un incontro aperto al contributo di tutti - sottolinea - e mi piacerebbe che gli studenti entrassero nei contenuti di questo summit, perche' sono certo che si troverebbero sulla nostra stessa linea'. (ANSA).

G8 UNIVERSITA': DISORDINI A TORINO, ALCUNI GIOVANI FERMATI = (ASCA) - Torino, 18 mag - Momenti di tensione oggi a Torino a causa di una manifestazione di un centinaio di studenti che stanno protestando contro il G8 delle Universita' che si apre questa mattina, con la partecipazione di una quarantina di rettori provenienti da 19 paesi, al castello del Valentino.
Per disperdere i manifestanti, che hanno lanciato uova e qualche fumogeno, la polizia ha risposto con una carica e quattro giovani, di cui alcuni di nazionalita' straniera, sono stati fermati. Si sono verificati alcuni blocchi stradali e sono stati rovesciati cassonetti dell'immondizia nel quartiere di San Salvario, che e' contiguo all'area del Castello che e' stata transennata ed e' presidiatra dalla Polizia.
Tra gli striscioni esposti dagli studenti, che hanno pi raggiunto la stazione di Porta Nuova, creando altri disagi alla circolazione: 'A Torino c'e' Profumo di marcio' riferito al rettore del politecnico di Torino Francesco Profumo che e' uno degli organizzatori dell'iniziativa.


UNIVERSITA': TENSIONI A TORINO A CORTEO CONTRO G8 ATENEI = Torino, 18 mag. (Adnkronos) - Momenti di tensione al corteo di Torino contro il G8 dell'Universita'. All'arrivo in via Roma dove era stato fatto un nuovo blocco del traffico, c'e' stata una carica della polizia per disperdere i manifestanti.

Studenti e forze dell'ordine sono ora fermi in via Roma, una delle vie principali del capoluogo piemontese. Almeno un manifestante e' stato bloccato.


*****


UNIVERSITA': PRESIDIO DAVANTI A RETTORATO, RILASCIATI DUE DEI FERMATI = Torino, 18 mag. - (Adnkronos) - Sono stati rilasciati due degli studenti, un ragazzo e una ragazza greci, fermati questa mattina durante la prima carica davanti al Valentino dove e' in corso il G8 dell'Universita'. Intanto il corteo organizzato dall'Onda Anomala ha raggiunto il rettorato e sta facendo un presidio davanti all'ingresso di via Po. Secondo i manifestanti due studenti, un ragazzo e una ragazza, sarebbero rimasti contusi.

Apc-Universit�/ Torino, studenti fermati:sono due greci e un italiano Partito nuovo corteo spontaneo in via Roma

Roma, 18 mag. (Apcom) - Sono due studenti greci e uno italiano i tre fermati questa mattina durante gli scontri per il G8 University summit. E' quanto conferma la questura di Torino, precisando che "la loro posizione � al vaglio degli inquirenti".
Intanto � partito un nuovo corteo dalla stazione Porta Nuova, che si � incanalato lungo la centrale via Roma. Si tratta di una manifestazione "estemporanea e imprevedibile" che non era stata concordata, fa sapere la polizia, ma, per il momento, non si registrano nuovi scontri. "Stiamo riuscendo - sottolinea la questura - a contenere il flusso"





--- Attenzione! ---
Il messaggio conteneva allegati e/o HTML non ammessi in questa lista
---


-------------------------------------------[ RK ]
+ http://liste.rekombinant.org/wws/subrequest/rekombinant
+ http://www.rekombinant.org
francesco raparelli
2009-05-18 13:57:15 UTC
Permalink
http://www.uniriot.org/uniriotII/index.php?option=com_content&view=article&id=526:londa-non-si-ferma-citta-bloccata-cariche-della-polizia-3-studenti-fermati&catid=85:comunicati&Itemid=279

Mortola è il vice questore di Torino. Do you remember Mortola?

f.




--- Attenzione! ---
Il messaggio conteneva allegati e/o HTML non ammessi in questa lista
---


-------------------------------------------[ RK ]
+ http://liste.rekombinant.org/wws/subrequest/rekombinant
+ http://www.rekombinant.org
francesco raparelli
2009-05-21 09:31:57 UTC
Permalink
 
La rivolta di Torino

di Francesco Raparelli


L'Italia è davvero un paese insopportabile e questo non tanto perché a governarlo c'è una solida maggioranza razzista e neocon, una maggioranza radicata nel tessuto produttivo, imbattibile nella scena mediatica, ma soprattutto per la mediocrità della sua opposizione. Un'opposizione senza coraggio né passioni. Basta leggere i giornali di oggi, meglio la Repubblica, o leggere le dichiarazioni di Franceschini per fare questa breve considerazione.
Quando sono esplosi gli studenti greci, al seguito dell'omicidio del povero Alexis, Ilvo Diamanti ha scritto per Repubblica analisi per nulla banali sul tratto comune della nuova generazione in lotta: dalla Francia all'Italia, dalla Grecia alla Spagna ‒ parafrasando le parole di Diamanti ‒ una generazione estranea al patto sociale alza la testa e pretende di riavere indietro il futuro che la precarietà le ha sottratto. Nelle scorse settimane, mentre in Francia venivano sequestrati i manager, Bernardo Valli ha dedicato pagine importanti all'anomalia d'oltralpe. Il radicalismo francese è una sorta di modello da coccolare per la sinistra italica, sempre utile per ricordare a Berlusconi che anche la destra neocon più raffinata, quella di Sarkò, è tutt'altro che al sicuro. Poi Londra e l'assedio della City: per la prima volta capita di leggere Ezio Mauro e Massimo Giannini che si spingono a giustificare la rabbia anti-banche. Certo entrambi
condannano la violenza, ma ratificano la necessità di un nuovo patto sociale contro la crisi. Aggiungo infine un elemento non marginale. L'Italia è un paese in cui le sue sinistre celebrano da quasi mezzo secolo i fasti del sessantotto studentesco. Un sessantotto senza operai e senza rivoluzione, indubbiamente, educato e pieno di buona società, comunque anno straordinario e senza pari. Nel sessantotto romano spicca un'esperienza che nessun politico della sinistra italica ha mai ripudiato: Valle Giulia.
Quanto accaduto ieri a Torino non si discosta molto, nella sostanza materiale, dai fatti di quarant'anni fa, così come, seppur con molte differenze, dalle rivolte greche e francesi. Ma ripercorriamo, fuori dalle menzogne giornalistiche, gli eventi torinesi. Almeno 10.000 studenti si mettono in corteo, giunti da tutta Italia, oltre che dalle facoltà torinesi. Desiderio condiviso da tutti è quello di violare la zona rossa, per dire basta a città militarizzate e per opporsi alle riforme universitarie. Migliaia di studenti dell'Onda hanno messo da parte la paura, quella propria della solitudine, e con il coraggio intenso dell'esperienza collettiva hanno provato a camminare, nonostante la polizia in assetto antisommossa cingesse d'assedio il castello del Valentino. Scudi di plexiglass e caschi a proteggere la propria testa dai tonfa. Poi le cariche, già violente il giorno prima. Manganelli, ma soprattutto tanti lacrimogeni, quelli al Cs di genovese
memoria, come Mortola. Poi la difesa, agita tutti assieme, senza alcuna separazione tra buoni e cattivi. Immediata la gestione giornalistica: no global e violenti prendono l'Onda in ostaggio. Corriere e Repubblica sostanzialmente omogenei, per la prima volta da settembre.
Occorre dirlo a voce alta, in questo paese di razzisti e codardi, ieri migliaia di studenti dell'Onda hanno alzato la testa, nei confronti di chi alla contrattazione sociale ha sostituito l'autoritarismo. Dopo mesi di lotte gli studenti italiani hanno ricevuto porte chiuse e manganelli. Da che parte sta la violenza, quella vera, quella del potere cieco e sordo? Ieri a Torino c'era solo indignazione, forte e ragionevole.

http://www.uniriot.org/uniriotII/index.php?option=com_content&view=article&id=540:la-rivolta-di-torino-&catid=87:editoriali&Itemid=281
 
http://www.globalproject.info/art-19946.html




--- Attenzione! ---
Il messaggio conteneva allegati e/o HTML non ammessi in questa lista
---


-------------------------------------------[ RK ]
+ http://liste.rekombinant.org/wws/subrequest/rekombinant
+ http://www.rekombinant.org

Loading...